Cerca un Avvocato

Cerca un avvocato per città e materia di interesse

Alienazione genitoriale nei confronti del padre e affidamento del figlio

Alienazione genitoriale nei confronti del padre

Il Tribunale di Brescia, con la sentenza n. 815 del 22 marzo 2019, ha affrontato il delicato tema della alienazione genitoriale nei confronti del padre e delle problematiche connesse con l’affidamento del figlio.

Nel caso giunto dinanzi ai Giudici di Brescia, entrambi i coniugi chiedevano la separazione con addebito. L’uno nei confronti dell’altro. La moglie chiedeva la pronuncia della separazione con addebito al marito in quanto, a detta sua, sarebbe stato un padre ed un marito assente ed avrebbe più volte assunto, nei confronti della moglie, atteggiamenti aggressivi ed umilianti, tali da integrare un vero e proprio “mobbing familiare”.

Secondo l’uomo, invece, sarebbe stata la donna ad aver causato l’intollerabilità della prosecuzione della convivenza. Ella avrebbe intrattenuto una relazione extraconiugale con un collega di lavoro del marito. Secondo quest’ultimo, tra l’altro, la moglie lo avrebbe ostacolato nei rapporti con la figlia.

Alienazione genitoriale nei confronti del padre – il peggioramento del rapporto

Il Tribunale, dopo ampia istruttoria, ha potuto apprezzare che il rapporto padre-figlia era gravemente peggiorato. Addirittura sino ad un sostanziale annullamento, caratterizzato dall’«ostinato rifiuto della minore ad avvicinarsi al padre».

Secondo i Giudici del Tribunale di Brescia, vi era dato fra tutti molto più preoccupante. La situazione era andata via via peggiorando nonostante il costante monitoraggio dei Servizi sociali, l’intervento del C.T.U. ed in assenza di evidenti mancanze da parte del padre.

Secondo quanto emerso dalle relazioni degli assistenti sociali e dalla perizia del CTU, il padre aveva mostrato buone competenze nel rapportarsi con la figlia: si era dimostrato attento alle richieste e ai bisogni della minore e «partecipe alla vita della bambina».

Alienazione genitoriale nei confronti del padre – i requisiti della PAS

La minore aveva manifestato una pervicace volontà di non vedere il padre. Dette condotte – largamente immotivate ed irrazionali – sono state inquadrate dal c.t.u., e da entrambi i c.t.p., nella c.d. PAS (Sindrome di Alienazione Parentale), ossia «una controversa dinamica psicologica disfunzionale che si attiverebbe sui figli minori coinvolti in contesti di separazione e divorzi».

Secondo il perito nominato dal Giudice e secondo i periti di parte, compreso il perito della madre, sussistevano nel caso di specie i sintomi che caratterizzano tale sindrome, fra cui una campagna di denigrazione nei confronti del genitore alienato e una ostilità del minore anche nei confronti della famiglia del genitore rifiutato.

Stando a quanto riporta il Tribunale di Brescia, il reale comportamento della donna è stato costantemente teso a limitare l’accesso della figlia al padre: infatti, non solo non si è attivata per preservare la relazione padre-figlia, ma, secondo il CTU, si è addirittura adoperata – in modo più o meno consapevole – per minarne le fondamenta.

Alienazione genitoriale nei confronti del padre - cosa fare

Alienazione genitoriale nei confronti del padre – cosa fare

Per questo il Tribunale di Brescia ha formulato un giudizio di inadeguatezza genitoriale della madre. A questo è conseguito l’affido in via esclusiva al padre, che si è rivelato un genitore adeguato. Dotato di buone competenze, l’uomo si è sinceramente interessato a recuperare la relazione con la figlia.

Alienazione genitoriale nei confronti del padre – Cosa fare?

In caso di alienazione genitoriale nei confronti del padre, come visto, la madre può essere fortemente sanzionata. La punizione per il genitore che ponga in essere tali condotte non è solo l’affidamento esclusivo all’altro genitore. Qualora un genitore ostacoli un corretto rapporto con l’altro, è possibile ottenere anche il risarcimento dei danni. Per sapere cosa fare in caso di alienazione genitoriale nei confronti del padre è consigliabile contattare quanto prima un avvocato matrimonialista.

Grazie ad un avvocato matrimonialista sarà possibile individuare il prima possibile gli strumenti per evitare l’insorgenza della PAS e per sanzionare il genitore che si renda responsabile di condotte alienanti. Clicca in alto sul nostro motore di ricerca per trovare un avvocato matrimonialista nella tua città!

* * *

Avvocati Matrimonialisti . It