Cerca un Avvocato

Cerca un avvocato per città e materia di interesse

Picchiare la moglie dopo aver scoperto un tradimento

Come purtroppo spesso accade molte separazioni sfociano in violenza coniugale. Per quanto la prova delle violenze subite non sia sempre agevole, la parola della persona offesa assume senz’altro un peso importante. Di recente il Tribunale di La Spezia ha statuito, ad esempio, che picchiare la moglie dopo aver scoperto un tradimento comporta l’addebito della separazione coniugale. Il tutto nonostante la donna abbia posto in essere un tradimento. Vediamo nel dettaglio cosa significa.

La moglie in questione si era rivolta al Tribunale chiedendo l’addebito della separazione al marito. Secondo la donna, il marito aveva posto in essere plurime condotte lesive, culminate con episodi di violenza morale e fisica. In particolare, il marito aveva appreso di essere stato tradito. Da quel momento l’uomo aveva chiuso in camera la moglie per oltre 4 ore picchiandola selvaggiamente e causandole gravi lesioni.

Moglie presa a schiaffi dal marito tradito

La prosecuzione di tali condotte aveva indotto la donna a rivolgersi ad un avvocato, per chiedere la separazione. Nel frattempo, la donna, per la propria incolumità, aveva abbandonato la casa familiare. Il marito, citato in giudizio per le violenze perpetrate nei confronti della moglie, non contestava le violenze. Ma le sminuiva, relegandole a “episodio isolato”.

Il Tribunale ha dato via all’istruttoria, ascoltando le testimonianze e ammettendo i mezzi di prova richiesti dalle parti. Proprio l’istruttoria ha consentito di ritenere provato e sufficiente il nesso causale fra le condotte violente dell’uomo, ancorché circoscritte a un solo episodio, e la rottura dell’unione matrimoniale.

Picchiare la moglie dopo aver scoperto un tradimento causa l’addebito

Come motiva il Tribunale, “dopo quel fatto il rapporto matrimoniale, al di là delle apparenze (nei rapporti con le rispettive famiglie e con amici e conoscenti) non fu mai più realmente recuperato, perlomeno per un periodo di tempo sufficientemente prolungato e stabile”.

Schiaffo alla moglie dopo aver scoperto il tradimento

La circostanza non è di poco conto. In primis perché nella fattispecie si è in presenza di un’altra condotta contraria ai doveri che il matrimonio impone: il tradimento da parte della moglie. In secondo luogo perché si trattava, nel procedimento giunto all’esame del Giudice ligure, di unico fatto provato. In sentenza, il Tribunale ha addebitato la separazione al marito violento e stabilito, a suo carico, un assegno di mantenimento.

Si ricordi che già il Tribunale di Milano, in un procedimento che risale a 5 anni fa, aveva statuito che “..non potendo l’Ordinamento consentire mai e in nessuna misura che la dignità della donna venga ad essere calpestata dall’arbitrio altrui, non essendo il matrimonio il luogo in cui i diritti inalienabili della persona possano essere sottomessi in ragione di logiche culturali o sociali.” (Trib. Milano, sez. IX civ, ordinanza 30 giugno 2016, G. Est. G. Buffone).

Picchiare la moglie dopo aver scoperto un tradimento è causa di addebito

Oggi, con la pronuncia in esame (Tribunale di La Spezia n. 179/21, depositata il 25 marzo 2021) si afferma ancora una volta che i diritti della persona non possono essere sottomessi sulla base di ragioni culturali – ad esempio l’impossibilità di sopportare un tradimento – ed anzi l’ordinamento deve tutelare i diritti inviolabili, tanto dell’uomo, quanto della donna, dinanzi a tali soprusi.

Attenzione: picchiare la moglie dopo aver scoperto un tradimento non è solo causa di addebito ma può comportare anche l’apertura di un procedimento penale per lesioni o financo maltrattamenti in famiglia.

E’ bene rivolgersi immediatamente ad un avvocato matrimonialista, sì da comprendere quali possano essere gli scenari di una vicenda coniugale violenta che, con ogni probabilità, giungerà in Tribunale.

Pertanto, per capire quali siano le proprie ragioni in presenza di eventi così gravi clicca SUBITO in alto sul nostro motore di ricerca e contatta un AVVOCATO MATRIMONIALISTA nella TUA città!