Cerca un Avvocato

Cerca un avvocato per città e materia di interesse

Chiedere l’affidamento esclusivo al padre

Collocamento e affidamento esclusivo al padre

La Corte di Cassazione si è pronunciata sui requisiti per chiedere collocamento e affidamento esclusivo al padre dei figli. Secondo la Suprema Corte, l’affidamento dei figli minori presuppone, da parte del Tribunale, un giudizio prognostico. Il Giudice, in poche parole, è chiamato a pronunciarsi sulla individuazione del genitore maggiormente idoneo dal punto di vista dell’interesse dei minori.

Facciamo un passo indietro. Abbiamo spiegato la differenza fra affidamento condiviso e affidamento esclusivo e che il nostro ordinamento privilegia l’affidamento condiviso. In altre parole, il nostro Legislatore preferisce che l’esercizio della responsabilità genitoriale sia effettuato da parte di entrambi i genitori. Questo perché è interesse primario del minore quello di mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con entrambi i genitori, in modo da poter ricevere concretamente cura, assistenza ed educazione da ciascuno di essi.

A questa regola, ovviamente, ci sono le eccezioni, che possono portare il Giudice a decidere per l’affidamento esclusivo a uno dei due genitori. La Giurisprudenza ha stabilito che se il padre non rispetta gli appuntamenti con i figli e si renda inadempiente rispetto al proprio dovere di mantenimento nei loro confronti, può essere disposto l’affidamento esclusivo dei figli alla madre. Allo stesso modo, le condotte materne contrarie all’interesse dei figli possono portare il Giudice a pronunciare l’affidamento esclusivo al padre.

Affidamento esclusivo al padre e maternal preference

Il cosiddetto maternal preference è quel principio tale per cui i figli minori devono, preferibilmente, essere affidati alla madre. Detto principio è stato superato da sentenze emesse sia dai Tribunali, sia dalla Cassazione stessa. Con la pronuncia in esame, l’ordinanza n. 30191/19, depositata il 20 novembre 2019, la Suprema Corte ribadisce, ancora una volta, come non vi sia, né vi debba essere, alcuna automaticità nell’affidamento e nel collocamento della prole minore presso il genitore materno.

Il caso giunto sino agli Ermellini riguardava una minore posta in collocamento in via preferenziale presso il padre. Oltre al collocamento prevalente presso il padre, il Tribunale aveva anche deciso per l’affidamento si Servizi Sociali. La madre della minore aveva dunque proposto ricorso per cassazione.

Affidamento esclusivo al padre dei figli

Come chiedere collocamento e affidamento esclusivo al padre

La madre invocava il principio per cui il collocamento dei minori dovrebbe essere di norma presso la madre. La Cassazione, innanzitutto, ha ricordato che non esiste alcun principio aprioristico che vuole il collocamento dei minori alla madre. Il DDL Pillon non c’entra in tutto questo. Da tempo la Giurisprudenza di Legittimità ha sancito che il Giudice, in tema di affidamento dei figli minori deve effettuare un giudizio prognostico nell’esclusivo interesse morale e materiale della prole. Deve, in altre parole, stabilire quale possa essere il regime di affidamento e collocamento migliore per la prole. Nel decidere quale sia il miglior assetto di interessi per il minore, il Giudice deve sempre tenere a mente il principio di bigenitorialità, “da intendersi quale presenza comune dei genitori nella vita del figlio, idonea a garantirgli una stabile consuetudine di vita e salde relazioni affettive con entrambi, i quali hanno il dovere di cooperare nella sua assistenza, educazione ed istruzione” (Cass. Civ. n. 18817/15).

Cosa bisogna fare per chiedere collocamento e affidamento esclusivo al padre?

La fase istruttoria è fondamentale per poter chiedere collocamento e affidamento esclusivo dei figli al padre. Si tratta di portare all’attenzione del Giudice le circostanze più rilevanti che possano far capire la necessità dell’affidamento esclusivo dei figli al padre. Sin dalle prime fasi della separazione genitoriale, dunque, è bene sapere come muoversi. Per questo, è possibile acquistare il volume “Istruttoria e Mezzi di Prova nei procedimenti di separazione. Scritto dall’Avv. Stefano Molfino, noto avvocato matrimonialista del Foro di Milano. Per acquistare il libro direttamente sul sito della casa editrice CLICCA QUI.  

** ** **

Per trovare un avvocato matrimonialista nella tua città, clicca in alto sul nostro motore di ricerca.

** ** **

Avvocati Matrimonialisti . It